Come installare Google Tag Manager su WordPress senza codice

Oggi ti voglio parlare di uno strumento utilissimo per il tracciamento del traffico del tuo sito web. Ti spiegherò come installare Google Tag Manager sul tuo sito WordPress con pochi passaggi semplicissimi, senza intervenire sul codice, ma utilizzando un comodissimo plugin. Quindi segui bene fino in fondo perché (probabilmente) questa è la guida più chiara che troverai in rete! 😊

ATTENZIONE: se utilizzi strumenti di tracciamento del traffico sul tuo sito web lo devi per legge dichiarare nel banner dei Cookie e nella tua Privacy Policy!

Cos’è Google Tag Manager

Google Tag Manager è un gestore di tag. I tag sono piccole porzioni di codice che, una volta inserite nel tuo sito web, ti permettono di raccogliere dati sul comportamento degli utenti quando navigano tra le pagine del tuo sito. Ti permettono inoltre di tracciare da dove arrivano gli utenti (ricerche organiche, sponsorizzate, social ecc), valutando quali sono i canali più efficaci.

Questo è utilissimo per capire quali pagine funzionano meglio e quali peggio, ma soprattutto quali portano più conversioni. Inoltre, se decidi di avviare una campagna AdWords, tramite GTM puoi installare facilmente il tag che ti permette di tracciare l’efficacia della campagna stessa. Figo no? Tutto in un solo strumento!

Se non utilizzassi il Tag Manager, dovresti installare manualmente intervenendo sul codice tutti i tag che ti interessano, e dovresti farlo su ogni singola pagina del tuo sito! Oltre allo sbatti stratosferico, se poi combini qualche casino è complicato rimediare! Dovresti rivolgerti ad un Webmaster sganciando non pochi quattrini. Per questo siamo qui oggi ad imparare come si usa Google Tag Manager.

Quali sono i passi da fare?

  • Registrarsi sul sito di Google Tag Manager
  • Creare un account Google Tag Manager
  • Installare il Tag Manager su WordPress
  • Installare i tag su Google Tag Manager

Crea il tuo account Google Tag Manager

Allora, prima di tutto vai sul sito ufficiale di Google Tag Manager, registrati utilizzando la tua Gmail ed effettua l’accesso. Ora crea il tuo account. Puoi chiamarlo come preferisci, ad esempio, con tanta fantasia, “I miei siti”.

Ogni account di Google Tag Manager ha dei contenitori. Ogni contenitore corrisponde in pratica ad un sito o ad una app per cui vengono installati i tag. Quindi sotto al tuo account puoi avere più di un sito.

Inserisci nella schermata il tuo sito, seleziona Web e clicca su “crea”. Accetta tutta la pappardella che ti propina Google e clicca su “Yes”.

Ti apparirà a questo punto una finestra chiamata “Install Google Tag Manager” con due stringhe di codice. Non la considerare e clicca direttamente su ok.

Fatto! Abbiamo creato un account Google Tag Manager! Il prossimo passo sarà quello di installarlo su WordPress senza codice, ma utilizzando un comodissimo plugin!

Installare Google Tag Manager su WordPress

Adesso vediamo come collegare l’account di Google Tag Manager al nostro sito WordPress.

Accediamo alla bacheca del nostro sito WordPress e clicchiamo su Plugin > Aggiungi Nuovo.

Nella barra di ricerca digitiamo “Google Tag Manager” e installiamo il plugin “Google Tag Manager for WordPress”, il primo della lista. Una volta attivato il plugin nel menu a sinistra clicchiamo su Impostazioni > Google Tag Manager.

Qui troveremo una casella bianca vicino alla dicitura Google Tag Manager ID. Torniamo quindi sulla schermata di Google Tag Manager a prendere questo ID. Nel pannello principale in alto clicchiamo su “Amministratore” e sulla destra, vicino al nome del contenitore, troviamo un piccolo codice che comincia per GTM.

Lo copiamo e andiamo ad incollarlo nella casella apposita sul nostro sito WordPress. Salviamo le modifiche et voilà! Il Tag Manager è installato sul tuo sito WordPress!

Ma aspetta a festeggiare! Manca ancora un passaggio importante, dobbiamo dire al Tag Manager quali tag installare sul nostro sito, come ad esempio il tag di Google Analytics. Nel prossimo articolo abbiamo spiegato in maniera dettagliata come installare Google Analytics su Google Tag Manager.

.

Cosa posso fare per te?

web designer freelance milano

Mi chiamo Simona e sono una Web e UX Designer Freelance. Rendo attraenti i siti WordPress con un tocco di creatività, rendendo ogni progetto unico e cucito su misura sulle tue esigenze.

Cosa aspetti? Dai il via al tuo progetto partendo con il piede giusto: affidati ad una professionista!

Altro dal blog

Migliori Plugin WordPress

Ti sei chiesto quali sono i migliori plugin per WordPress? È una domanda che mi viene rivolta spesso a cui oggi voglio rispondere con questo articolo dettagliato. Abbiamo visto cosa fare dopo aver installato WordPress, oggi ti spiego quali sono i migliori plugin che dovresti proprio installare sul tuo sito. I plugin influiscono tantissimo sulle

W3 Total Cache: configurazione e impostazioni base

In questo articolo vedremo la configurazione di W3 Total cache e come sfruttare al meglio questo plugin WordPress. Nell’articolo precedente abbiamo visto l’importanza di limitare le revisioni WordPress per snellire il nostro sito e migliorare il caricamento delle pagine. Sfruttare la cache del browser è un altro modo molto utile per velocizzare il caricamento del

Limitare revisioni WordPress: come e perché farlo

Nell’articolo di oggi vedremo come limitare le revisioni WordPress e perché è importante farlo sul nostro sito. Creare un contenuto per il web non è qualcosa che si fa in un secondo, è più che altro un processo. Scrivi, revisioni, sposti, riscrivi, aggiungi immagini, link e lo fai di continuo nel tempo, anche dopo che

Migliori Plugin WordPress

Ti sei chiesto quali sono i migliori plugin per WordPress? È una domanda che mi viene rivolta spesso a cui oggi voglio rispondere con questo articolo dettagliato. Abbiamo visto cosa fare dopo aver installato WordPress, oggi ti spiego quali sono i migliori plugin che dovresti proprio installare sul tuo sito. I plugin influiscono tantissimo sulle

W3 Total Cache: configurazione e impostazioni base

In questo articolo vedremo la configurazione di W3 Total cache e come sfruttare al meglio questo plugin WordPress. Nell’articolo precedente abbiamo visto l’importanza di limitare le revisioni WordPress per snellire il nostro sito e migliorare il caricamento delle pagine. Sfruttare la cache del browser è un altro modo molto utile per velocizzare il caricamento del

Contattami