Idf Communications

IDF Communications sito web

Idf Communications

IDF Communications - sito web realizzato da Visi Webdesign

PROGETTO REALIZZATO

Nuovo sito web

costo progetto

1900 € [escluse fotografie e testi]

tempi di realizzazione

6 settimane

vuoi anche tu un sito come questo?

contattami senza impegno!

Vantaggimauri

Vantaggimauri sito web

Vantaggimauri

Vantaggimauri - sito web realizzato da Visi Webdesign

PROGETTO REALIZZATO

Restyling sito web aziendale

costo progetto

1700 € [escluse fotografie e testi]

tempi di realizzazione

6 settimane

vuoi anche tu un sito come questo?

contattami senza impegno!

Limitare revisioni WordPress: come e perché farlo

Web designer Milano

Nell’articolo di oggi vedremo come limitare le revisioni WordPress e perché è importante farlo sul nostro sito.

Creare un contenuto per il web non è qualcosa che si fa in un secondo, è più che altro un processo. Scrivi, revisioni, sposti, riscrivi, aggiungi immagini, link e lo fai di continuo nel tempo, anche dopo che il tuo contenuto viene pubblicato.

Ogni volta che interveniamo su un contenuto del nostro sito, WordPress va a creare delle revisioni.

Per evitare di appesantire il database del nostro sito, possiamo andare a limitare il numero di revisioni salvate tramite una semplice procedura, oppure utilizzando un plugin.

Cosa sono le revisioni WordPress

Le revisioni WordPress sono delle copie di un contenuto (articolo, pagina o template) che vengono salvate nel database ogni volta che viene apportata una modifica.

E per modifica intendo anche aggiungere una virgola.

Il numero di revisioni lo trovi nella barra laterale destra del contenuto, sotto la tab “documento”. Se dai un’occhiata vedrai che probabilmente alcuni dei tuoi contenuti hanno un numero di revisioni enorme.

Ogni volta che clicchi sul tasto “aggiorna“, WordPress salva in automatico una copia di quel contenuto così come è nell’esatto momento in cui pigi quel tasto.

Ti vedo già che starai pensando: “ma io clicco su aggiorna ogni tot per evitare di perdere per qualche strana congiuntura astrale il mio articolo”.

Tranquill*, lo facciamo tutti! È un gesto automatico. Per sicurezza, nel dubbio, salvo.

Limitare revisioni WordPress: perché è importante farlo

Veniamo al dunque. WordPress di default non ha un limite di revisioni da salvare, ma le salva tutte in automatico.

Ogni copia di un contenuto salvato occupa inevitabilmente uno spazio nel database del tuo sito. Va da sé che, se le revisioni sono centinaia (o addirittura migliaia), ci sarà uno spazio enorme occupato da quelle copie.

Non pensare che sia difficile arrivare a questi numeri. Se fai un rapido controllo sul tuo sito ti renderai conto che anche tu avrai centinaia di revisioni salvate nel tuo database, te l’assicuro!

Spazio chiama tempo. Tanto spazio occupato, lo sappiamo, ha ripercussioni sulla velocità.

Un database pesante si ripercuote sulla velocità di caricamento dei contenuti di un sito. E questo comporta lentezza, una cattiva User Experience e un punteggio basso da parte di Google.

Capisci quindi l’importanza di limitare le revisioni che vengono salvate portandole ad un numero ragionevole.

Come limitare le revisioni WordPress

Purtroppo (nel momento in cui scrivo questo articolo) non ci sono plugin che ci permettono di limitare le revisioni WordPress con un click.

Ma se segui questi semplici passaggi vedrai che riuscirai a farlo facilmente anche tu!

Prima di tutto accedi al tuo servizio di hosting e vai al CPanel.

Cerca la voce Gestione File, clicca e seleziona la Home Directory

limitare-revisioni-wordpress
limitare-revisioni-wordpress

Ti troverai davanti tutta una serie di cartelle, che sono quelle che compongono il tuo sito ( o siti se ne hai più di uno sullo stesso hosting).

Dalla lista alla tua sinistra doppio click sulla voce public_html.

A questo punto, se hai più siti devi cliccare sulla cartella relativa al sito di cui stai andando a limitare le revisioni. Altrimenti ti troverai direttamente nella root principale del tuo sito.

Qui devi cliccare con il tasto destro sul file wp-config.php e selezionare Edit.

ATTENZIONE: prima di fare qualsiasi modifica effettua un backup!

Una volta aperto il file wp-config non ti spaventare. Cerca la linea in cui trovi scritto:

/* That's all, stop editing! Happy publishing. */

e prima di questa riga inserisci questo semplice codice (clicca invio sulla riga superiore per creare una riga bianca dove incollare il seguente codice):

define( 'WP_POST_REVISIONS', 3 );

Poi clicca su salva.

Il risultato sarà questo:

limitare-revisioni-wordpress

Io ho scelto di impostare 3 come numero massimo di revisioni da salvare, tu puoi scegliere il numero che preferisci. Non ti consiglio di disattivare totalmente le revisioni perché hanno comunque una loro utilità. Potresti trovarti nella situazioni di aver bisogno di ripristinare la versione precedente del tuo contenuto.

Come cancellare le revisioni salvate

A questo punto sarà necessario cancellare le revisioni che WordPress ha salvato prima che andassimo a limitarle.

Lo facciamo semplicemente grazie al plug-in Wp-optimize.

Dopo aver installato il plugin, dalla bacheca di WordPress, sulla sinistra, clicchiamo su Wp-optimize ( database ).

Scorrendo troviamo la voce “Elimina tutte le revisioni dei post”, a destra clicchiamo sul pulsante “Avvia ottimizzazione”.

Et voilà!

Limitare revisioni WordPress: il plugin Simple Revisions Delete

Se non te la senti di completare la procedura sopra descritta, puoi ricorrere all’utilizzo di un semplice plugin, Simple Revisions Delete. Questo plugin di permette di cancellare le revisioni dei tuoi articoli in modo facile e veloce. Attenzione però, ti consiglio in ogni caso di provare a portare a termine la procedura descritta sopra. Considera che ogni plugin che aggiungi al tuo sito andrà inevitabilmente ad appesantirlo. Per questo se si può evitare l’installazione di un plugin in più è sempre bene approfittare!

Page Builder WordPress: cos’è, come funziona e quale scegliere

Oggi voglio parlarti dei Page Builder WordPress e delle possibilità che, grazie a questi, possiamo avere nella realizzazione del nostro sito.

Grazie ai Page Builder infatti è possibile superare i limiti grafici che ci impone il tema WordPress che abbiamo scelto e personalizzare al massimo il nostro sito senza bisogno di alcun codice!

Vedremo come è semplice il sistema su cui si basano i Page Builder e quali sono i migliori sul mercato.

Se sei curioso di sapere come personalizzare il tuo sito senza codice portandolo ad un livello pro ti consiglio di investire 5 minuti del tuo tempo per leggere questo articolo.

Pronti? Cominciamo!

page builder wordpress

Cos’è un Page Builder WordPress

Dopo aver scelto l’hosting giusto, installato WordPress e scelto un tema il più possibile “plain”, passiamo ad installare il nostro Page Builder.

Un Page Builder è sostanzialmente un plugin di WordPress. È un’estensione che ci permette di andare oltre al tema WordPress che stiamo utilizzando per personalizzare sezioni o pagine del nostro sito. In più puoi farlo senza il minimo utilizzo di codice!

Non sto parlando solo di elementi statici, ma alcuni Page Builder ti permettono di creare e controllare transizioni e movimenti dei vari elementi del tuo sito!

Grazie ai Page Builder possiamo quindi costruire layout grafici più complessi e professionali rispetto ai soliti temi di WordPress.

Che sia free o a pagamento infatti, un tema di WordPress ha sempre dei limiti all’interno dei quali devi stare per creare il tuo sito.

Ecco, un Page Builder supera quei limiti e ti permette di dare libero sfogo alla tua creatività personalizzandolo al massimo!

Inoltre, non perderai tempo a dover imparare le funzionalità di un tema WordPress visto che ogni tema funziona per conto suo. Con un Page Builder sarà invece molto più rapido creare il tuo layout!

Come funziona un Page Builder

Entriamo più nel vivo della questione e vediamo come funziona un Page Builder.

In generale, essi si basano su un sistema “drag&drop”. È un sistema che funziona così:

hai a disposizione una serie di elementi, detti widget, che puoi selezionare e trascinare all’interno della tua pagina del sito nella posizione che preferisci.

Una volta inserito potrai, attraverso un apposito pannello, definire lo stile e il movimento di quel widget.

È più difficile a dirsi che a farsi, te l’assicuro!

Ti faccio un semplice esempio: nella mia pagina voglio inserire un carosello di immagini? Semplice! Seleziono il widget “carosello immagini”, lo trascino nella posizione in cui voglio che appaia nella mia pagina e, tramite il pannello stile personalizzo quel carosello caricando le mie immagini, scrivendo eventualmente una didascalia, impostando un effetto di transizione con il mouse eccetera.

A seconda della versione (free o pro) del Page Builder WordPress variano i widget che hai a disposizione.

Elementor: il migliore Page Builder WordPress

Personalmente, per il mio lavoro, utilizzo Elementor (versione Pro) perché lo ritengo il migliore Page Builder WordPress.

E’ estremamente intuitivo e ha a disposizione davvero tantissimi widget e estensioni che ti permettono di fare grandi cose sul tuo sito web.

Il suo sistema principale, oltre al drag&drop, è il WYSIWYG, What You See Is What You Get, ovvero ciò che vedi corrisponde al risultato finale che otterrai. Infatti, il grande vantaggio di Elementor è quello di vedere in tempo reale la pagina del tuo sito che stai realizzando!

Ti lascio qui il video di presentazione così puoi vedere anche tu le potenzialità di questo Page Builder WordPress!